Home Cucina leggera Rapa burger

Questo lunedì la mia ricetta per il #MeatFreeMonday è un buffo rapa burger. Okay, la sua buffezza è del tutto opinabile e soggettiva, certo: ma a me fa sorridere perché ha proprio l’aspetto di un hamburger di carne cotto al sangue, e potrebbe averlo preparato un bambino dispettoso come pesce d’aprile per un grande che fa il duro e dice di voler mangiare solo bistecche.

rapa-burgerV1

Ma l’aspetto ingannevole non è l’unica cosa che mi fa scappare un po’ da ridere di questa ricetta: ogni volta che uso la barbabietola, mi tornano in mente le interrogazioni di geografia delle elementari, con noi bambini tutti seri a riferire di queste onnipresenti coltivazioni di cotone, tabacco e barbabietola da zucchero, e se ci avessero detto che lo zucchero veniva non da una rapa strana ma da quella stessa della mensa, avremmo pensato a uno scherzo. In realtà la barba rossa, “da orto”, è un po’ diversa. Dolce, anche se non tanto come ci saremmo aspettati da piccoli: ma di una dolcezza insolita, vegetale, che ben si sposa all’aglio, al prezzemolo, al pepe rosa. Del rapa burger non nego che mi piace l’aspetto: penso ad una di quelle cene in cui il vegetariano o vegano di turno è preso d’assalto da commensali sempre eccessivamente curiosi, che sollievo passare invece inosservato, con la rapa cruenta nascosta nel panino! 😀 Anche il gusto mi piace molto, anche se lo trovo molto meno confortevole di altri veggie burger della mia nutrita collezione. Per aggiungergli un tocco cocoon, ho dunque optato per la focaccia al posto del classico panino e aggiunto la burrosa robiola alla salsa yogurt di accompagnamento, per mantenerne la virtuosa leggerezza senza scadere nel ferreo salutismo che non ci appartiene.


rapa-burgerV

N.B.:Come in tutti i veggie burger, anche in questo le dosi sono un po’ approssimative: le rape non sono tutte uguali, e nemmeno le molliche. Si va a occhio e quanto basta.

Ingredienti per 2:

Per i medaglioni di barbabietola:
1 grossa rapa cotta
2 fette di pane di grano duro raffermo
1 spicchio di aglio
Farina di ceci bio q.b.
6 bacche di pepe rosa
pangrattato per impanare
sale

Per le focaccine:
2 quadrati di focaccia toscana
10 g di valeriana
50 g di robiola
2 cucchiai di yogurt greco
prezzemolo fresco
un filo di olio extravergine di oliva
sale, pepe

Preparazione:

Frullate la rapa con lo spicchio di aglio e il pepe rosa, quindi immergete nella purea ottenuta il pane raffermo tagliato a piccoli dadi, e lasciatelo riposare fino a quando non sarà del tutto ammorbidito. Regolate di sale e aggiungete il prezzemolo tritato; a questo punto aggiungete un poco di farina di ceci, quella appena necessaria per rendere l’impasto sufficientemente lavorabile da potervi formare i medaglioni con le mani ben inumidite. A me è bastato meno di un cucchiaio, ma dipende da quanto è succosa la vostra rapa. Ad ogni modo, non superate il cucchiaio e mezzo (piuttosto aumentate la dose di pane). Passate ora i burger nel pangrattato, e riponeteli in frigo a rassodare ancora una mezzora. Potete cuocerli in padella con un filo d’olio extravergine, dorandoli qualche minuto per lato, oppure in forno per circa 15 minuti a 190°.

Preparate la salsa unendo yogurt e robiola in una terrina, e condite con un filo do olio, sale e pepe, e amalgamando bene gli ingredienti con una forchetta.

Tagliate le focacce per farcirle, distribuite dentro ad ognuna un ciuffo di valeriana, un medaglione e uno strato di crema al formaggio. A piacere, potete concludere con una spruzzata di limone. Richiudete infine le focacce: i vostri rapa burger sono pronti per essere gustati!

1 comment

1 comment

Vivy gennaio 30, 2015 at 2:30 pm

Ma dai!!! Un burger con la barbabietola! Solo tu potevi pensarci! 😀 Mi incuriosisce molto questa ricetta, e penso che appena “becco” una rapa la faccio… oggi mi “accontenterò” di fare un bel burger al grano saraceno, che appunto è nelle tue ricette 😀 Amo i burger vegetali!
Un abbraccio e buon fine settimana!

Reply

Leave a Comment